Agricoltura Bio: ecco il testo unico

Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola e agroalimentare con metodo biologico”: è questo il titolo della proposta di legge approvata nei giorni scorsi dalla Commissione agricoltura della Camera dei Deputati e che apre le porte alla nascita di un testo unico sull'importante dell'Agricotura Bio.

Lo scopo principale della legge è quello di fornire una regolamentazione completa su un settore in grande espansione: sono tantissime le attività agricole che si stanno orientando verso la coltivazione di prodotti biologici. Non a caso, l'Italia è il primo paese in Europa per numero di attività legate al mondo del Bio ed è il settimo a livello mondiale, per quel che concerne i consumi.

Sempre in tema di numeri va aggiunto che l’Italia è il sesto Paese al mondo per superficie sottratta all’uso della chimica in agricoltura, il nono per incidenza dell’agricoltura biologica rispetto a quella complessiva e per tasso d’incremento delle superfici biologiche. Ancora: l’Italia si pone al primo posto per la produzione di agrumi biologici, al secondo posto al mondo per l’apicoltura e per la produzione di ortaggi, di uva e di olive, al terzo posto per la produzione di frutta, al quarto posto per le leguminose.

Forti apprezzamenti per l'atteso passo in avanti in termini di legge sul comparto dell'agricoltura biologica, sono giunti dall'associazione di consumatori FederBio: “Esprimiamo il nostro apprezzamento in merito al fatto che una legge dello Stato definisca l’agricoltura biologica come attività di interesse nazionale, non fosse altro perché ciò costituisce il riconoscimento dell’impegno di oltre 60.000 aziende agricole che si prendono cura dell’ambiente e del territorio, senza utilizzare nei loro campi nemmeno un grammo di concimi e pesticidi chimici di sintesi, e delle oltre 8.000 imprese che trasformano la materia prima prodotta da più di un milione e mezzo di ettari (oltre il 12% della superficie agricola complessiva italiana), un settore virtuoso con circa 250mila addetti, in gran parte composto da giovani e donne istruiti, dinamici e fortemente impegnati.”

All'interno del testo unico sarà l'aggiornamento annuale dei prodotti biologici e del Piano d’azione nazionale per l’agricoltura bio a cui FederBio è pronta a dare il proprio contributo. L’obiettivo è quello di portare sempre più imprese agricole e agroalimentari verso il biologico, di rafforzare l’organizzazione della filiera, di incentivare i consumi e di investire su ricerca e innovazione.

LEGA CONSUMATORI REGIONE LAZIO | via Cutilia, 17 - 00183 - Roma
Tel: 065122630 - Email info@legaconsumatorilazio.it | Codice Fiscale: 97409520588
© 2018 Lega Consumatori Regione Lazio - Tutti i diritti riservati | Hosting
Cookie Policy - Privacy Policy