Conciliazione partitetica tra Acea Spa e i consumatori: ecco l’Organismo ADR

Associazioni di consumatori e Acea Spa: patto per conciliazione paritetica

Nasce il nuovo organismo di negoziazione paritetica tra ACEA e le Associazioni dei Consumatori, facenti parte del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti

Si chiama Organismo ADR ed ha il compito di dirimere le controversie che sorgono tra i consumatori clienti e le società Acea Ato5, Acea Ato4, Acea Ato2, Acea Energia Spa e Areti (ex Acea Distribuzione). L’importante novità è stata siglata ed ufficializzata attraverso la firma di un protocollo d’Intesa fra Acea Spa e le Associazioni di Consumatori, fra cui anche Lega Consumatori, che da diverso tempo spingevano per la nascita di uno strumento efficace e condiviso per la risoluzione delle varie dispute su bollette, contratti, disservizi e altri tipi di questioni.

Entrando nello specifico, si tratta di un nuovo organismo di negoziazione paritetica tra ACEA e le Associazioni dei Consumatori, facenti parte del CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti),  più evoluto e moderno rispetto a quello previsto dagli accordi del 2009. La procedura di conciliazione, infatti, privilegia l’accesso e lo svolgimento on line ed è del tutto gratuita per i clienti. Altro aspetto importante è che la durata massima dell’iter non andrà oltre i 90 giorni.

Con l’Organismo ADR, Acea si è posta l’obiettivo di avvicinarsi al pubblico e di mostrarsi più attenta all’ascolto e al confronto diretto con le esigenze del consumatore. Inoltre, con la nascita di questo strumento, Acea è la prima multiutility italiana che sigla un protocollo d’intesa con le Associazioni dei Consumatori per la costituzione di un Organismo ADR a cui faranno capo quindi, oltre che le questioni relative alla distribuzione idrica anche quelle per la distribuzione energetica.

All’interno dell’Organismo ADR è previsto, innovazione di portata storica, anche un organo paritetico di garanzia composto, a tutela degli utenti, dai rappresentanti dei professionisti (cioè dell’Acea) e delle Associazioni Consumatori, che ha compiti di vigilanza ed è garante, trasparente e imparziale, della corretta attuazione delle procedure di reclamo e conciliazione