InformaTuristi: certifica la tua struttura ricettiva ecosostenibile

Non ci può essere turismo ecosostenibile senza strutture ricettive rispettose dell’ambiente e della natura. E’ su questo principio che si fonda uno degli aspetti fondamentali di InformaTuristi, il progetto promosso da Lega Consumatori Lazio, Assoutenti Lazio e CODICI Lazio che punta a promuovere i valori del “green tourism” e a realizzare una vera e propria mappatura delle attività che si occupano di turismo ecosostenibile nella regione Lazio

Non ci può essere turismo ecosostenibile senza strutture ricettive rispettose dell’ambiente e della natura. E’ su questo principio che si fonda uno degli aspetti fondamentali di InformaTuristi, il progetto promosso da Lega Consumatori Lazio, Assoutenti Lazio e CODICI Lazio che punta a promuovere i valori del “green tourism” e a realizzare una vera e propria mappatura, un elenco, delle attività che si occupano di turismo ecosostenibile nella regione Lazio.

Sulla base di una serie di criteri, dunque, ogni singola struttura ricettiva potrà certificare online attraverso InformaTuristi il proprio livello di sostenibilità. Dagli alberghi agli agriturismi, dai bed and breakfast alle piccole pensioni, insomma, qualsiasi attività del Lazio che intende farsi conoscere come struttura ecosostenibile potrà farlo attraverso un apposito form dove dichiarare i propri requisiti “green”.

Sono diversi i punti previsti nell’autocertificazione: tra i principali troviamo sicuramente quelli dedicati al risparmio energetico. Le strutture ricettive sostenibili, infatti, devono essere dotate di sistemi che garantiscono un risparmio nell’utilizzo di apparecchiature elettriche e di elettrodomestici (classe energetica A, timer di spegnimento, fasce orarie di utilizzo); un risparmio nell’illuminazione (lampade a basso consumo, fotocellule per accensione e spegnimento); l’acquisto di energia verde (energia solare ad esempio, oppure eolica) e la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Molto importanti, ai fini dell’autocertificazione, anche i requisiti riguardanti il risparmio idrico (irrigazione esterna, regolatori di flusso, sorgenti natuali), lo smaltimento dei rifiuti (raccolta differenziata classica e quella riguardante gli oli esausti e i rifiuti speciali), l’utlizzo di materiali da riciclo (ad esempio recupero delle acque piovane, sistemi di autocompostaggio dei rifiuti), di impianti di riscaldamento con fonti rinnovabili e sistemi di isolamento termico.

Qualora una struttura non sia provvista di uno o più requisiti, la stessa può aggiornare il proprio livello di sostenibilità nel corso del tempo. Questa oppportunità è un incentivo importante per tutte le attività che vogliono affermarsi nell’eco-turismo e che hanno bisogno di qualche mese per adeguare i propri impianti (di riscaldamento ad esempio). Del resto, l’obiettivo del progetto InformaTuristi – Programma denominato “Regione Lazio per il Cittadino Consumatore IV” – DGR n. 313/2013 – è proprio quello di espandere e migliorare il concetto di turismo eco e sostenibile, cercando di educare i viaggiatori ma anche gli operatori del settore ad una cura sempre maggiore verso l’ambiente e la natura.

Scarica la scheda con i requisiti per la certificazione delle strutture turistiche ecosostenibili