Rimborso obbligazionisti banche liquidate: sul sito del Fondo Interbancario il modulo per la richiesta

Modulo per richiesta rimborso obbligazioni subordinate Banca Etruria,Banca Marche, CariChieti e CariFe

Dopo diverse settimane di attesa arrivano finalmente importanti novità sulla questione dei rimborsi per i titolari delle obbligazioni subordinate delle quattro banche liquidate nel novembre scorso (Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFe).

Dopo diverse settimane di attesa arrivano finalmente importanti novità sulla questione dei rimborsi per i titolari delle obbligazioni subordinate delle quattro banche liquidate nel novembre scorso (Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFe).

Sul sito web del Fondo Interbancario, infatti, (www.fitd.it) é possibile scaricare il modulo per il rimborso. Rimborso forfettario che arriverà ad un massimo dell’80% di quanto è stato perduto.

I risparmiatori di Banca Etruria e delle altre tre banche liquidate  avranno 6 mesi di tempo per inviare la richiesta di rimborso mentre il Fondo Interbancario avrà un periodo di 60 giorni per valutare e procedere alla liquidazione di ogni singola pratica. Nei prossimi giorni, inoltre, verranno pubblicati nel dettaglio tutti criteri attraverso i quali si valuteranno le singole richieste di rimborso.

Sarà possibile seguire l’iter della propria richiesta in ogni momento accedendo all’Area Riservta del sito del Fondo Interbancario.

Come effettuare la richiesta di rimborso per liquidazione delle obbligazioni subordinate

Dopo averlo scaricato dal sito del Fondo Interbancario, il modulo richiesta di rimborso per la liquidazione delle obbligazioni subordinate di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFe, può essere inviato tramite il sito stesso oppure per posta raccomandata (destinatario la gestione del Fondo di Solidarietà del Fondo Interbancario) oppure ancora tramite posta elettronica certificata all’indirizzo fondo.solidarieta@legalmail.it.

Insieme al modulo per la richiesta di rimborso, che si chiama “Modulo standard di richiesta di indennizzo forfettario“, devono essere presentati oltre al documento d’identità anche una serie di altri documenti fra cui: il contratto d’acquisto delle obbligazioni, i moduli di sottoscrizione, l’attestazione degli ordini eseguiti e una dichiarazione di consistenza del patrimonio immobiliare.

Qualora il risparmiatore si rivolga ad un’associazione di consumatori (tra cui Lega Consumatori) per lo svolgimento dell’iter di rimborso, è necessario allegare anche la copia del mandato conferito.